Home Blog Diabete tipo 2, alla ricerca dei pazienti “perduti”: grazie a RADAR