studio scientifico francese dimostra come l’alcol sia il principale fattore di rischio per la demenza

I disturbi legati all’alcol sono i più importanti fattori di rischio prevenibili per l’insorgenza di tutti i tipi di demenza, in particolare la demenza ad esordio precoce.

Questo secondo uno studio osservazionale a livello nazionale, pubblicato sulla rivista The Lancet Public Health, di oltre un milione di adulti con diagnosi di demenza in Francia.

Questo studio ha esaminato in modo specifico l’effetto dei disordini sull’alcol e includeva persone a cui erano stati diagnosticati disturbi mentali e comportamentali o malattie croniche attribuibili all’uso cronico dannoso di alcol.

Dei 57.000 casi di demenza a esordio precoce (prima dei 65 anni), la maggioranza (57%) era correlata al consumo eccessivo cronico di alcolici.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) definisce il bere cronico pesante consumando più di 60 grammi di alcol puro in media al giorno per gli uomini (4-5 bevande standard canadesi) e 40 grammi (circa 3 bevande standard) al giorno per le donne.

Come risultato della forte associazione trovata in questo studio, gli autori suggeriscono che lo screening, i brevi interventi per bere pesantemente e il trattamento per i disturbi da uso di alcol dovrebbero essere implementati per ridurre il carico di demenza alcol-attribuibile.

“I risultati indicano che il consumo eccessivo di alcool e alcol sono i fattori di rischio più importanti per la demenza e particolarmente importanti per quei tipi di demenza che iniziano prima dei 65 anni e che portano a morti premature”, afferma il coautore e direttore di studio l’Istituto CAMH per la ricerca sulla politica di salute mentale Dr. Jürgen Rehm. “Il danno cerebrale indotto dall’alcol e la demenza sono prevenibili e misure preventive e politiche efficaci e conosciute possono provocare una morte prematura della demenza”.

Il Dr. Rehm sottolinea che, in media, i disturbi legati all’alcol riducono l’aspettativa di vita di oltre 20 anni e la demenza è una delle principali cause di morte per queste persone.

Per la demenza a esordio precoce, c’è stata una significativa divisione di genere. Mentre la maggioranza dei pazienti affetti da demenza erano donne, quasi i due terzi di tutti i pazienti affetti da demenza a esordio precoce (64,9%) erano uomini.

I disturbi legati all’alcol sono stati anche associati a tutti gli altri fattori di rischio indipendenti per l’insorgenza della demenza, come il fumo di tabacco, l’ipertensione, il diabete, l’istruzione inferiore, la depressione e la perdita dell’udito.

Questo studio suggerisce combattere l’alcoolismo può contribuire a ridurre il rischio di demenza.

Lo studio è visionabile all’indirizzo: www.thelancet-press.com/embargo/dementiaalcohol.pdf

Ulteriori informazioni: http://www.camh.ca/

Annunci

Commenta per primo

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.