Sindacato Nursind: “Non siamo il paracadute dell’Asl Toscana Sud Est”

Cullurà, “Non facciamo alleanze con chi annichilisce ogni giorno la nostra professione. Atteggiamento intimidatorio e irrispettoso da parte dell’Azienda sanitaria:
all’Ospedale di Nottola infermieri trasformati in necrofori”

 

Siena, 16 maggio 2018 – “Non ci stiamo a fare da paracadute alla direzione aziendale dell’Asl Toscana Sud Est”. E’ quanto dichiara Claudio Cullurà, segretario territoriale per l’area che copre le province di Arezzo, Siena e Grosseto per il Nursind, sindacato autonomo degli infermieri. Il commento arriva all’indomani dell’incontro convocato urgentemente dalla direzione dell’Azienda sanitaria, per “condividere un diverso modo di raccordare i vertici della nostra azienda con le organizzazioni sindacali, che rappresentano i nostri 11mila lavoratori”, come si legge nella convocazione ufficiale.

“In pratica – sottolinea Cullurà – la direzione ha convocato i sindacati per cercare di stabilire una nuova alleanza alla luce di sgradevoli fatti emersi sulle pagine dalla stampa, non ultimo il messaggio lanciato tramite social network dal direttore della Asl Sud Est, nel quale ha dichiarato apertamente che chiunque parlasse male dell’azienda è passibile di licenziamento. Un atteggiamento intimidatorio assolutamente irrispettoso verso i lavoratori”.

“Non facciamo alleanze con chi annichilisce ogni giorno la nostra professione – attacca il segretario territoriale Nursind – e prende in giro i cittadini annunciando assunzioni con numeri che non corrispondono alla realtà. Gli infermieri sono demansionati in tutta l’area dell’Asl Toscana Sud Est: all’Ospedale di Nottola sono addirittura stati trasformati in necrofori, addetti al trasporto dei defunti. Ci è stato detto che si tratta di una soluzione temporanea, ma la situazione è determinata da una specifica delibera del 2013”.

“Solo pochi giorni fa – aggiunge – ci è stato persino impedito di svolgere regolare assemblea sindacale con i colleghi del 118 ad Arezzo, inibendo di fatto l’accesso ai locali da parte di un dirigente aziendale. Le domande che poniamo come sindacato restano inascoltate: ma sono quesiti ed esigenze poste dai lavoratori, che non trovano risposta”.

“Su queste basi – conclude Cullurà – non possiamo neanche immaginare un’alleanza con i vertici dell’Asl Toscana Sud Est”.

Annunci

Commenta per primo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.