SCIENZIATI DI deCODE Genetics SCOPRONO IL MAGGIORE FATTORE DI RISCHIO DEL CANCRO ALLA PROSTATA

Uno studio scientifico messo a punto e realizzato in Islanda, negli Stati Uniti ed in Svezia ha scoperto il primo fattore di rischio genetico importante per il cancro alla prostata. Questa variazione genetica spiega circa l’otto per cento dei casi in Europa, e molti più negli USA. Si tratta di un marcatore genetico sul cromosoma otto. Lo ha individuato l’equipe di Kari Stefansson, del deCODE Genetics a Reykjavik in Islanda, istituto di ricerca specializzato in studi di genetica. Secondo la rivista Nature Genetics, che presenta la ricerca, la scoperta migliorerà la comprensione del tumore e le capacita’ d’intervento.Questo rischio genetico riguarda in particolare gli americani di origine africana perché circa il 16% di questo gruppo presenta questa variante genetica. In totale il numero di pazienti che sono stati analizzati nello studio sono 3430 mentre 2675 appartengono ad un altro gruppo utilizzato per il controllo. Bisogna ricordare il cancro della prostata é forse il più comune cancro non cutaneo degli uomini nei paesi industrializzati ed è responsabile del maggior numero di morti fatta eccezione delle cancro del polmone che è ancora più letale

Commenta per primo

Rispondi