SUGAMMADEX: RIVOLUZIONE IN ANESTESIA

Per i tre milioni e mezzo di interventi chirurgici che ogni anno si svolgono in Italia c’è una nuova opzione che li renderà  più rapidi ed efficienti. i chiama Bridion (sugammadex) e costituisce una autentica rivoluzione in anestesiologia. Prima innovazione in materia da venti anni a questa parte, consente di accelerare le procedure della sala operatoria, rendendola così disponibile per successivi interventi.

Ma non è questo l’unico vantaggio offerto dal farmaco. Sul piano della sicurezza, la molecola (sugammadex), oltre a rendere più veloci le procedure postoperatorie, mette il paziente in condizione di riprendere a respirare autonomamente , contrastando, entro soli tre minuti, il blocco neuromuscolare prodotto da rocuronio e vecuronio, due derivati del curaro. Questi ultimi sono dei miorilassanti usati in anestesiologia per consentire al chirurgo di agire nel campo operatorio con una muscolatura del paziente completamente rilassata.

Per medici, anestesisti e direttori sanitari oggi l’imperativo è coniugare efficienza e sicurezza, riducendo o eliminando in primo luogo i tempi morti tra un intervento e l’altro. Soprattutto nelle strutture più complesse, le attività  chirurgiche e, quindi, le procedure anestesiologiche, devono essere ottimizzate in ogni fase: valutazione preoperatoria, procedura intraoperatoria, controllo postoperatorio. €œLa modalità  di approccio al lavoro in sala operatoria è profondamente mutata€ “ ha dichiarato Rodolfo Proietti, Professore Ordinario presso il Dipartimento di Anestesia e Rianimazione del Policlinico Gemelli€™ di Roma “€œil tempo di disponibilità” di sala deve essere pienamente occupato, il cosiddetto “€˜tempo morto”€™ tra un intervento ed il successivo deve essere ridotto al minimo, così come il tempo anestesiologico di preparazione all’™intervento e i tempi di induzione e risveglio€. Sugammadex agisce in modo del tutto innovativo incapsulando la molecola del miorilassante e rendendola così inattiva. Grazie a questo farmaco, il paziente è messo in condizione di riprendere a respirare autonomamente contrastando, entro soli tre minuti, il blocco neuromuscolare indotto dagli anestetici derivati del curaro. Gli antagonisti dei miorilassanti fino a oggi disponibili agiscono invece più lentamente rispetto a sugammadex e sono spesso associati alla comparsa di alcuni effetti collaterali indesiderati fra cui, ad esempio, il disturbo del ritmo cardiaco.

Annunci

Commenta per primo

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.