NUOVI FARMACI BIOLOGICI POSSONO COMBATTERE LA PSORIASI


E’ partita” In viaggio per conoscere la psoriasi”, la nuova campagna informativa itinerante sulla psoriasi, realizzata dalla Fondazione Cesare Serono in collaborazione con A.DI.PSO. (Associazione per la Difesa degli Psoriasici), A.D.O.I. (Associazione Dermatologi Ospedalieri Italiani) e SIDeMaST (Società Italiana di Dermatologia medica e chirurgica e Malattie Sessualmente TrasmesseLa psoriasi è una malattia della pelle che colpisce senza distinzione uomini e donne, con un’insorgenza maggiore in età giovanile. Si caratterizza per la comparsa di chiazze rossastre ricoperte da squame, che spesso possono persistere a lungo, determinando forti ripercussioni sulla qualità di vita del paziente e sulle sue relazioni sociali.Soprattutto durante la bella stagione, data la necessità di scoprirsi, l’impatto sociale che la malattia provoca diventa maggiore. Proprio in questo periodo, quindi, per evitare atteggiamenti discriminatori nei confronti delle persone colpite da psoriasi, è importante dare impulso all’informazione. Per questo motivo il progetto In viaggio per conoscere la psoriasi sarà presente nelle piazze italiane con un camper attrezzato che accoglierà non solo le persone direttamente interessate dalla malattia, ma tutti i cittadini che hanno esigenza di maggiori informazioni.Nel corso del tour, oltre 50 medici dermatologi, 20 volontari ADIPSO e 10 esperti della Fondazione Cesare Serono, saranno a disposizione per offrire consulenze gratuite, fornire materiale informativo e sensibilizzare l’opinione pubblica affinché non si ripetano quegli episodi di emarginazione che costano ai pazienti un forte peso emotivo come accade per altre patologie molto diffuse quali diabete, artrite o depressione.Negli ultimi 20 anni non ci sono state rilevanti novità terapeutiche per il trattamento della psoriasi. Le terapie tradizionali sebbene efficaci a breve termine sono limitate nell’uso dalla loro potenziale tossicità. Recentemente sono stati introdotti i nuovi farmaci biologici, alcuni dei quali promettono di raggiungere e mantenere nel tempo efficacia e sicurezza.Allo scopo di migliorare l’assistenza alle persone che soffrono di psoriasi nel nostro Paese, è stato avviato il progetto PSOCARE, attraverso il quale verranno valutati i risultati a lungo termine delle cure disponibili oggi in Italia.PSOCARE è un programma di ricerca sulla psoriasi promosso dall’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA), condotto in collaborazione con le società scientifiche dermatologiche (SIDeMaST e ADOI) e con l’associazione di pazienti A.DI.PSO.Per la nuova campagna informativa, la Fondazione Cesare Serono ha realizzato un opuscolo che contiene l’elenco di tutti i Centri PSOCARE specifici per la cura della psoriasi in Italia; le persone che soffrono di questa patologia potranno così trovare i punti di riferimento più indicati per affrontare la malattia in modo adeguato e con terapie personalizzate.”Come paziente affetta da psoriasi – afferma la Dott.ssa Mara Maccarone, Presidente A.Di.PSO.- mi rendo conto che esistono ancora molti tabù e tanta disinformazione su questa patologia. Tutti devono sapere che la psoriasi non è una malattia contagiosa e che, sebbene cronica, può comunque essere curata e controllata attraverso interventi terapeutici personalizzati in grado di migliorarne o arrestarne il decorso.”- occorre infine ricordare come ha sottolineato il professor Sergio Chimenti che almeno il 10% dei pazienti affetti da psoriasi ha pensato almeno una volta al suicidio. Conseguenza più o meno diretta della discriminazione evidente o strisciante che ancora esiste, in Italia come altrove, nei confronti di chi soffre di questa malattia.

Commenta per primo

Rispondi