naloxone spray non sostituisce terapia tradizionale ma consigliato terapia di emergenza

Il naloxone può essere uno strumento salvavita per aiutare persone con sospetta di overdose di oppioidi.

Avere naloxone spray nasale disponibile offre più opzioni in caso di overdose.

Individuare un sovradosaggio e per imparare a usare il naloxone è importante e può salvare una vita.

I segni comuni di sovradosaggio di oppioidi includono:

difficoltà a camminare e parlare;
stato soporoso-comatoso
depressione respiratoria grave (respiro lento e debole soffocamento / arresto respiratorio)
bradicardia sinusale
abbassamento della pressione arteriosa
pelle fredda;
pupille puntiformi “a spillo” (miosi)
assenza di riflessi
convulsioni
nel decorso: edema polmonare e coma

https://www.fosumos.ch/fosumos/index.php/it/eroina/sovradosaggio-da-oppiacei

NARCAN® (naloxone HCl) spray nasale è un antagonista degli oppioidi indicato per il trattamento di emergenza di overdose da oppioidi noti o sospetti, come manifestato da depressione respiratoria e / o del sistema nervoso centrale.
NARCAN® spray nasale è destinato alla somministrazione immediata come terapia di emergenza in ambienti in cui possono essere presenti oppioidi. NARCAN® spray nasale non è un sostituto per le cure mediche di emergenza.

NARCAN® (naloxone HCI) spray nasale è controindicato in pazienti notoriamente ipersensibili al naloxone cloridrato o ad uno qualsiasi degli altri ingredienti.

La somministrazione può non essere efficace e comunque è importante non interrompere la catena dell’emergenza e chiedere assistenza medica di emergenza immediatamente dopo l’uso iniziale, mantenendo il paziente sotto sorveglianza continua.

Quando si utilizza questo tipo di farmaci bisogna ricoradare il rischio respiratorio e di depressione del sistema nervoso centrale: a causa della durata d’azione del naloxone rispetto all’oppioide, mantenere il paziente sotto costante sorveglianza e somministrare dosi ripetute di naloxone usando un nuovo spray nasale con ogni dose, se necessario, in attesa di assistenza medica d’emergenza.

Commenta per primo

Rispondi