CENTOCINQUANTA BAMBINI OGNI ANNO NASCONO CON SESSO INCERTO



Sono circa centocinquanta i bambini che ogni anno vengono alla luce nel nostro paese senza una chiara differenziazione del loro sesso. Da tempo si sapeva che questo grave problema era di origine genetica ma solo recentemente sono stati indicati con esattezza tutti i termini della delicatissima questione. Per discutere di questi argomenti che nascono dalle difficoltà di indicare subito, all’uscita dall’ospedale del piccolo essere indifeso e per di più con una grave anomalia,la sua identità sessuale si è svolto a Roma un importante congresso interdisciplinare al quale hanno partecipato vari specialisti sia medici che legali. Per la dottoressa Elisa Calzolari di Ferrara e per la dottoressa Paola Grammatico che hanno diretto la prima parte del dibattito quello dello sviluppo abnormale delle gonadi nei bambini è un problema che conosce infinite graduazioni che occorre studiare attentamente caso per caso tenendo conto della problematica. ” Va poi aggiunto che si tratta di un tema complesso e socialmente rilevante – ha sottolineato il dottor Giacinto Marrocco dirigente chirurgo pediatra al san camillo Forlanini di Roma – perché la proposta di istituire un third sex nasce soprattutto dal desiderio di affrontare i problemi che afflliggono le famiglie e gli individui non ancora identificati in maniera precisa dal punto di vista del loro sesso.La legge come sappiamo impone di scegliere il sesso del bambino prima di lasciare l’ospedale;si corre così il rischio di sbagliare con conseguenze devastanti.:” Lo stesso dottor Marrocco membro della segreteria scientifica del convegno ha ricordato che il dibattito in generale nel mondo scientifica riguarda il come ed il quando effettuare gli interventi correttivi.. Gli esperti si stanno interrogando se intervenire subito oppure attendere una età in cui sarà lo stesso soggetto a decidere . Il problema oltre che complesso ha anche dei risvolti etici di grande delicatezza. ELISA CALZOLARI E PAOLA GRAMATICO HANNO MODERATO GLI INTERVENTI DELLA PRIMA FASE DEL CONGRESSO

Commenta per primo

Rispondi