CAPSULE ORALI CONTRO L’EPATITE C IN SPERIMENTAZIONE NEGLI USA E IN EUROPA DA PARTE DELLA SCHERING-PLOUGH


Un nuovo inibitore della proteasi contro l’epatite C, formulato in capsule da assumere per via orale, viene sperimentato nella “fase due” per determinare la dose appropriata di questo preparato. Il nuovo trattamento viene valutato in uno studio di notevoli dimensioni in combinazione con il peginterferon alfa 2b per il trattamento di pazienti infettati cronicamente dal virus dell’epatite C, i quali non rispondono all’attuale terapia di combinazione con peginterferon e ribavirina. La sperimentazione viene portata avanti dalla Schering- Plough Corporation la quale sta studiando i diversi dosaggi in quattro differenti formulazioni da 100 fino a 800 mg sempre in combinazione con il peg-interferone per 24 settimane in totale. In questa fase verranno studiati approssimativamente 350 pazienti distribuiti in diversi centri negli Stati Uniti e in Europa. “Il nostro preparato SCH503034 é uno degli agenti più importanti questa nuova classe di farmaci che hanno come obiettivo le proteine dell’epatite C necessarie per la replicazione virale”ha detto Roberts J Spiegel senior vicepresidente dell’Institute Research Scheringh Plough. Obiettivo secondario di questa ricerca è anche quello di esplorare gli effetti della ribavirina come componente di un regime terapeutico prolungato per 48 settimane. Attualmente non ci sono terapie alternative per un largo numero di pazienti che hanno registrato un insuccesso in quelle attuali. L’epatite C colpisce almeno 10 milioni di persone nelle nazioni più progredite che è causa di gravi problemi , che ha spesso portano al trapianto di fegato

Annunci

Commenta per primo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.